UNA CUCINA MODERN VINTAGE

Eccomi finalmente tornata con un nuovo articolo che,come promesso secoli fa, sarebbe stato dedicato all’home decor e più precisamente allo styling di casa mia (per prima la nostra cucina).

 La cucina dei miei sogni sarebbe stata totalmente diversa da questa che vedete in queste foto perché, personalmente, l’avrei fatta sui toni del biancogrigio con un tocco di marmo e qualche particolare dorato.Ma, alla fine, ho ceduto al gusto molto più maschile e moderno dell’industrial che trascina dietro di sé il nero fumo e il grigio antracite.

A distanza di un anno non mi pento affatto della nostra scelta, perché penso che a guardarla, questa cucina emani un filo di romanticismo, come piace a me e non stanca, come avrebbe potuto fare una cucina tutta bianca.

La cucina è marchiata CREO – una divisione della LUBE, più giovanile ed  alla portata di tutti– ha un’anima sicuramente moderna con un twist vintage. La cappa è la protagonista, che cilindrica e bombata conferisce all’ambiente personalità e decisione.

Scegliendo come piastrelle delle mattonelle XL lavagna, abbiamo voluto proseguire con il gusto vintage dal sapore industrial dell’ambiente. Avere una parete sulla quale si possa scrivere e semplice da pulire, ci ha fatto scegliere questo tipo di opzione. Scegliere le piastrelle è fondamentale secondo me, perché bisogna unire praticità (deve essere una superficie assolutamente lavabile) al buon gusto. E questa superficie credo unisca tutte queste qualità che ho menzionato. Sono delle mattonelle di ottima qualità, resistenti e abbastanza facili da pulire.

Oltre alla cappa, il pezzo forte nella nostra cucina è sicuramente la parete laterale, che è carta da parato e che richiama un balcone delle campagne provenzali curato e pieno di piante da cucina- rosmarino, salvia,timo, erba cipollina, prezzemolo– regalando alla cucina, ancora una volta, un sapore retrò e a tratti romantico.

Anche le sedie, richiamano l’industrial, che attualmente tanto “spopola” sul web e nei negozi. Io, a dire la verità, l’ho sempre amato. Mi fa pensare a quei locali Inglesi, in cui si vedono sedie mixate in legno e appunto ferro insieme a tavoli in legno massiccio e cuscini in velluto. Sono sedie molto versatili e, tra qualche anno, saranno sempre belle.

Ho  cercato di personalizzare l’ambiente con qualche tocco dorato, come i soprammobili  -il  porta candele a forma di cactus, i cestini in ferro nero e dorato e ancora altri utensili dorati che ho appena trovato e che non vedete in queste foto-.

Il tappeto a strisce bianche e nere,  invece, è volutamente messo  in contrasto con il parato e, secondo me esalta ancor di più l’ambiente dandogli maggiore profondità.

La scelta della carta da parato, infine,  è stata ardua perché eravamo indecisi fino alla fine se applicarla oppure no. In molti ce l’avevano sconsigliato, in quanto in cucina, a causa dei vapori, si sarebbe rovinata. Ma dal momento che, ahimè, non viviamo sempre in questa casa, abbiamo deciso di seguire questo nostro desiderio e, per ora, sembra che duri!

Altri particolari che vedete come le scritte sulle lavagne e i contenitori di legno scuro, sono degli oggetti che provengono direttamente dal nostro matrimonio, particolari che hanno fatto la differenza, come vi ho raccontato qui.

Adoro questo ambiente e spero di tornarci presto!Nel frattempo, scorro con voi le foto e spero tanto che possano esservi di ispirazione!

Cucina: Creo Kitchens, modello Kyra bianco naturale

Sedie– chairs: industrial (grigio scuro) Casamata store, Lecce

Passatoia-rug:  fantasia westwing Italia

Tags from the story
More from Mariangiola

ISPIRAZIONE OUTFIT: PLEATED SKIRT

Quando scegliamo un colore diverso che si distingue dai soliti è perché...
Read More

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *