UNA CASA DAI COLORI NEUTRI

“Non legare il cuore a nessuna dimora, perché soffrirai quando te la strapperanno via”. Questo è  stato il mio mantra da quando ho finito il liceo: sapevo dentro di me che avrei viaggiato tanto. Ed è  stato così.

Un po’ per la mia ancestrale irrequietezza, che mi ha portato a conoscere lingue e posti improbabili, luoghi lontani dal “qui”, un po’ perché mi ha sempre fatto sentire viva non fermarmi mai in un posto.


Ed è  stato davvero  bellissimo viaggiare, sperimentare la solitudine in luoghi dove non conoscevo nessuno, in cui casa era la mia piccola stanza, il mio letto, la mia scrivania temporanea. Eppure in tutti quegli spazi  senza ricordi, sono riuscita a trovare una certa intimità  e non mi sono mai sentita sola davvero.

Mi sono sempre adeguata a stili di vita così lontani e diversi dai nostri, ad odori che per molti sarebbero stati cattivi odori, a suoni che per molti sarebbero stati rumori,  a voci stridule, traffico ad ogni ora, albe infinite e tramonti che non arrivavano mai. E mi è piaciuto tutto molto perché in quel caos apparente dell’andirivieni io trovavo il mio ordine, il mio verso, la mia pace.

Se si ha la possibilità,  si dovrebbe viaggiare da ragazzi, perché dopo per quante occasioni si possano presentare  è  tutto diverso.

Alla fine, dopo tanto girovagare, col cuore pacificato e l’anima serena, mi sono fermata per un poco ed in due, abbiamo deciso di avere un piccolo nido: era forte in noi ormai il desiderio di una CASA,  un posto che avremmo riempito di oggetti, di mobili e di ricordi nostri, di un posto che parlasse di noi di quello che abbiamo vissuto e visto. Un nido,un luogo che dopo tanto girare senza sosta, trovassimo sempre caldo e immutato al nostro rientro.

Non è stato difficile capire come lo volessimo. Davvero è bastato guardarci negli occhi per capire che sarebbe stato speciale e dai colori chiari e rilassanti.

In prevalenza di bianco, la nostra casa risente del nostro gusto e del nostro amore per  lo stile Inglese, mischiato ad i campi di lavanda che tanto adoro della Provenza, virando verso i colori freddi del nord Europa. Abbiamo quindi utilizzato molto il bianco, il celeste, il grigio e tutti i colori in scala compatibili con essi; abbiamo restaurato mobili di vecchia data, pezzi di cuore e pezzi di antiquariato  dei nonni,  per ricordarci che tutto ha un valore e che anzi quello che ci hanno lasciato ha anche qualcosa in più: il calore dei momenti vissuti insieme.

In questa casa ci abbiamo messo il cuore, gli occhi ed un po di testa per ottimizzare gli spazi: io mi sono davvero divertita e sbizzarrita  con i particolari,  molti dei quali erano già in mio possesso.

Perché,  diciamoci  la verità : ognuno di noi ha sperimentato molti posti, case in affitto e case temporanee: è  facile trovare un posto dove abitare,  se si hanno le possibilità,  ma è difficile trovare una vera casa….

  

 

Pavimenti in Gres porcellanato:Eredi Fossalovara;

Accessori camera da letto/ cameretta GiacomoMaisons du Monde;

Lampade in plexiglassKartell;

Specchio Vintage, Tavolo e sedie salone: Vintage;

Valigette colorate effetto Vintage: Gratiocafé;

Valigia marrone: Vintage;

mobiletto TV: Vintage;

Oroglogio da parete salone: Brico io;

Stampe quadretti:  ETSY (venditore PLANETA 444);

Camera da letto, cucina e divano:  ARREDAMENTI  ROMANI .

 

More from Mariangiola

LA BORSA CHE CAMBIA UN OUTFIT

Sono borse in neoprene, un materiale tecnico che di solito si usa...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *